Res Aequae Adr Srl

Iscritto al n° 185 del Registro degli Organismi di Mediazione del Ministero della Giustizia

ISCRITTO AL N° 324 DEGLI ENTI ABILITATI A TENERE CORSI DI FORMAZIONE DM180/2010


ORARI SEGRETERIA: ORE 10.30/12.30 - 14.30/16.30
TEL. 0565/917931 - 335/7111722  FAX. 0565/1989112 EMAIL: SEGRETERIA@RESAEQUAEADR.IT PEC: info@pec.resaequaeadr.it

Mediazione: ultimi ritocchi

Mediazione civile, altre novità negli ultimi emendamenti al decreto del fare, oggi alla Camera per il voto di fiducia. Dopo la serrata degli avvocati che ha portato a un’interruzione della macchina della giustizia per nove giorni, con tanto di polemiche suscitate anche oltreconfine, ora arrivano modifiche ulteriori all’istituto più contestato dall’avvocatura, reintrodotto, un po’ a sorpresa, proprio nel decreto del fare.

Rispetto alla versione iniziale contenuta nel testo del decreto del fare, i primi emendamenti avevano ridefinito notevolmente il profilo di una conciliazione rimasta condizione di procedibilità, ma con importanti limitazioni, soprattutto riguardo la gratuità del primo incontro, che viene stabilita per legge in caso l’approccio non vada a buon fine.

Ma ci sono almeno altre due importanti modifiche che la mediazione civile obbligatoria si appresta a conoscere dopo l’approvazione del testo che, si è saputo in giornata, verrà blindato con il voto di fiducia che dovrebbe arrivare giovedì.

In primis, si tratta della competenza territoriale. In sostanza, viene stabilito che in virtù di un emendamento inserito nei giorni scorsi – uno degli 800 presentati in totale al decreto 69/2012 – la domanda di conciliazione andrà presentata tramite deposito all’organismo del luogo del giudice competente sul territorio.

Questa specifica si è resa necessaria perché in nessuna determinazione della mediazione è chiarito che il tavolo non debba essere aperto, possibilmente, anche a chilometri di distanza dalla località in cui la controversia ha avuto luogo.

Un altro aspetto introdotto in extremis, è quello della trascrizione usucapione, che va a integrare l’articolo 2643 del Codice civile: il patto di mediazione che certifica la presenza di questa opzione, tramite sottoscrizione del processo verbale sotto la supervisione di un’autorità deputata alla sua stesura regolare.

You are here: News Mediazione: ultimi ritocchi

Questo sito web usa i cookies solo per migliorare la tua esperienza di navigazione.Quiccando su "Accetto" oppure utilizzando questo sito web, dichiari di aver letto ed accettato la nostra cookie policy. Approfondisci.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information