Res Aequae Adr Srl

Iscritto al n° 185 del Registro degli Organismi di Mediazione del Ministero della Giustizia

ISCRITTO AL N° 324 DEGLI ENTI ABILITATI A TENERE CORSI DI FORMAZIONE DM180/2010


ORARI SEGRETERIA: ORE 10.30/12.30 - 14.30/16.30
TEL. 0565/917931 - 335/7111722  FAX. 0565/1989112 EMAIL: SEGRETERIA@RESAEQUAEADR.IT PEC: info@pec.resaequaeadr.it

29-05-2012 Tribunale di Varese

No hay traducciones disponibles.

Tribunale Varese, 18 maggio 2012 

Per  il Giudice varesino, a seguito della pronuncia ex art. 648 cpcp o ex art. 639 c.p.c., il soggetto tenuto ad attivare la procedura di mediazione, onde evitare la declaratoria di improcedibilità, è la parte opposta (creditore), in quanto "vero attore sostanziale del giudizio".

L' opposizione a decreto ingiuntivo, quindi,  pone in essere un ordinario giudizio di cognizione, il quale, sovrapponendosi allo speciale e sommario procedimento monitorio, investe il giudice del potere-dovere di decidere sulla pretesa originariamente fatta valere con la domanda di ingiunzione, con la conseguenza che il processo non ruota attorno alla legittimità o liceità della ingiunzione, indi per cui, l' attore sostanziale,

obbligato a promuovere il tentativo obbligatorio di mediazione (ex art. 5, comma I D.lgs. 28/2010)  è il creditore e non il debitore che propone l' opposizione, al quale, in via analogica sarebbe imputabile un similare onere, solamente in caso di domanda riconvenzionale o verso terzi, ma non però, per il semplice  e solo fatto di aver  proposto atto di opposizione. 

You are here News 29-05-2012 Tribunale di Varese

Questo sito web usa i cookies solo per migliorare la tua esperienza di navigazione.Quiccando su "Accetto" oppure utilizzando questo sito web, dichiari di aver letto ed accettato la nostra cookie policy. Approfondisci.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information