Res Aequae Adr Srl

Iscritto al n° 185 del Registro degli Organismi di Mediazione del Ministero della Giustizia

ISCRITTO AL N° 324 DEGLI ENTI ABILITATI A TENERE CORSI DI FORMAZIONE DM180/2010


ORARI SEGRETERIA: ORE 10.30/12.30 - 14.30/16.30
TEL. 0565/917931 - 335/7111722  FAX. 0565/1989112 EMAIL: SEGRETERIA@RESAEQUAEADR.IT PEC: info@pec.resaequaeadr.it

Le 8 novità della Mediazione

Nella nuova Mediazione, rispetto ‘alla vecchia conciliazione’ ci sono 8 novita:

1) esclusione delle liti sulla responsabilità per danno derivante dalla circolazione di veicoli.
Le altre materie sono confermate. Nella materia condominiale era già stata reintrodotta dal Codice del Condominio con il nuovo articolo 71 quater della Disp. Att. C.c. 1);

2) introduzione della mediazione prescritta dal giudice, anche in casi di non obbligatorietà e sempre nell’area generale dei diritti disponibili;

3) integrale gratuità della mediazione per i soggetti che, nella corrispondente controversia giudiziaria, avrebbero avuto diritto all’ammissione al patrocinio a spese dello Stato;

4) previsione di un incontro preliminare, per verificare se sussistano effettivi spazi per procedere alla mediazione;

5) forfettizzazione e abbattimento dei costi della mediazione, in particolare di quella obbligatoria, attraverso la previsione di un importo contenuto, comprensivo delle spese di avvio, per l’incontro preliminare;

6) limite temporale della durata della mediazione in 3 mesi, anziché di 4, decorsi i quali il processo può essere iniziato o proseguito;

7) previsione della necessità che, per divenire titolo esecutivo e per l’iscrizione d’ipoteca giudiziale, l’accordo concluso con il mediatore deve essere non solo omologato dal giudice, ma anche sottoscritto dagli avvocati che assistono le parti;

8) riconoscimento di diritto, agli avvocati che esercitano la professione, della qualità di mediatori.

Per incentivare alla chiusura dei processi già dalla fase mediativa, poi, sulla falsariga di quanto previsto per il processo del lavoro, il giudice civile, alla prima udienza o sino al termine dell’istruzione, formula alle parti una proposta transattiva o conciliativa che se rifiutata, ovviamente senza giustificato motivo, costituisce comportamento valutabile ai fini della condanna alle spese.

You are here News Le 8 novità della Mediazione

Questo sito web usa i cookies solo per migliorare la tua esperienza di navigazione.Quiccando su "Accetto" oppure utilizzando questo sito web, dichiari di aver letto ed accettato la nostra cookie policy. Approfondisci.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information